FOTO DNA GROUP

La rete DNA Group diventa 3.0

Un network di servizi che si rispetti non può che aggiornarsi continuamente e intraprendere la strada del miglioramento continuo della sua proposta. Da quest’anno, tutto questo vale anche per DNA Group. La rete di imprese dedita all’assistenza, la manutenzione hardware e software e la consulenza per la sicurezza e privacy dei dati ha deciso di formalizzare anche il proprio settore di consulenza, tracciando con precisione le linee guida del proprio percorso in sinergia tra settore IT e ambito commerciale. Il tutto a distanza di dodici mesi dalla sua effettiva costituzione e dopo pochi anni di attività operativa del gruppo di lavoro. Si tratta, pertanto, del terzo step del percorso di crescita di DNA Group, forse il più importante.

La novità del 2016, infatti, riguarda le modalità con cui queste due anime interagiranno e collaboreranno. In primis, è bene ricordare che cooperazione e supporto dei diversi apparati sono parole d’ordine della quotidianità di DNA Group, che, ancor prima di costituirsi come rete di imprese, svolge le proprie attività nei territori di competenza con tre società distinte, DNA1, DNA2 e DNA3.

L’interscambio di informazioni, esperienze e metodologie di assistenza al cliente per realizzare interventi di problem solving efficaci si sposteranno anche nel settore commerciale, da adesso in poi non più affidato a pochi referenti della rete, bensì a esperti di ciascuna delle tre aziende della rete, che si muoveranno a stretto contatto con i responsabili del settore tecnico. In pratica, in DNA1, DNA2 e DNA3, sono state individuate delle figure di riferimento nel campo commerciale e in quello tecnico, che avranno il compito di interfacciarsi continuamente e arricchire il background reciproco. In questo modo, il settore tecnico potrà ricevere maggiori indicazioni sulle effettive necessità del cliente o su altre eventuali richieste che potrebbero giungere, mentre l’apparato commerciale potrà scoprire più dettagliatamente le modalità in cui i tecnici operano e scovare nuove opportunità di intervento o soluzioni ad hoc per il cliente. Un servizio potenzialmente sempre più complesso e completo e, per questo, efficace.